Prova ad immaginare...

Prova ad immagine un quadro in un contesto abitativo.
Io non ho bisogno di farlo perchè so benissimo quanta vita possa donare un'opera d'arte ad una stanza,  ma chi non è del settore forse non ci riesce.
Ecco tre piccoli esempi.

Try to imagine a picture in a housing context.
I need not to do it because I know how much life can donate an artwork to a room, but who is not in the sector maybe he can not.
Here are three brief examples.

arredamento, arte in toscana, pittura italiana, opere d'arte, mostre Italia, mostre toscana, tuscany painter, tuscany art, quadri on line, collezione, quadri moderniarredamento, arte in toscana, pittura italiana, opere d'arte, mostre Italia, mostre toscana, tuscany painter, tuscany art, quadri on line, collezione, quadri moderni

arredamento, arte in toscana, pittura italiana, opere d'arte, mostre Italia, mostre toscana, tuscany painter, tuscany art, quadri on line, collezione, quadri moderni

Selezionata per esporre al m'Arte a Milano

Sono lieta di annunciare che mi hanno selezionata al contest di m'Arte "Arte cibo per la mente".
Le due opere che ho presentato, "Nail art" e Yellowselfie" sono state scelte dalla galleria M'Arte di Milano. Nel cuore di Brera, tra corso Garibaldi e il Teatro Strehler, il 2 maggio alle ore 18, inaugura lo Spazio M’Arte con l’esposizione di vari artisti che si alterneranno per tutta la durata di Expò. “Cibo per la mente” è il titolo della mostra-happening artistica.
Prossimamente date e orari della mostra a cui parteciperò, per adesso solo felicità per due belle notizie ad un giorno di distanza l'una dall'altra.



Presentazione del libro "Uiversi Sonori"

 Il 19 aprile 2015 è stato presentato il libro Universi Sonori a Firenze, presso il teatro La Pergola, in occasione del concerto El Viaje.
Di questo libro ne ha parlato Arturo Stalteri nella trasmissione radiofonica di Radio 3 "Qui comincia", a questo LINK potete ascoltare e scaricare il podcast della trasmissione.
Riporto di seguito l'estratto dal sito di Nuove Tendenze:

"E’ stato pubblicato il volume di Nuove TendenzeUniversi sonori. Dialoghi sulla musica dei nostri tempi”, curato da Oriana Rispoli, con diverse interviste a noti compositori contemporanei realizzate in esclusiva per l’Associazione da Anna Laura Longo e Federica Nardacci.
universi_sonori“L’idea di ‘universo sonoro’ rinvia non solo all’immagine poetica di un’infinità e molteplicità di suoni e espressioni sonore, ma anche alle diverse realtà musicali, le diverse personalità artistiche qui variamente rappresentate” scrive Federica Nardacci, andando a sondare aspetti meno noti della carriera e dell’opera di personaggi quali Ennio Morricone, Giorgio Gaslini, Paolo Cavallone; mentre per Anna Laura Longo, che incontra, tra gli altri, Denis Schuler, Silvia Lanzalone e Daniele Corsi,  “ciò che si offre ai lettori è un lavoro frutto di interscambi, un vero e proprio flusso di confronti e dialoghi orbitanti intorno alle problematiche ed alle questioni ‘vive’ che recano segni vistosi del presente musicale.”
Il libro, sulla cui copertina spicca un’immagine della pittrice Monica Spicciani, offre dunque una prospettiva ampia sulla musica contemporanea, attraverso dialoghi approfonditi e spesso serrati, in cui vengono esaminate le origini e le motivazioni della ricerca musicale, sonora ed estetica alla base di ogni esperienza creativa, il rapporto con il pubblico, e molto altro.
Per acquistare il libro basta scrivere a posta@nuovetendenze.org.
Gli eventi di Nuove Tendenze riprenderanno nei primi mesi del 2015, e si indirizzeranno principalmente verso gli ambiti musicale e letterario. Coloro che desiderano rimanere aggiornati su tutte le novità possono iscriversi alla Newsletter, e sono calorosamente invitati ad aderire all’Associazione."

My Home Gallery

Da oggi faccio parte del programma My Home Gallery come Artista Certificata.
Già avevo offerto la possibilità di "coworkare" nel mio Atelier di Pittura, adesso sono inserita in una rete che mette in contatto non solo gli artisti tra loro per dividere degli spazi, ma che connette anche i fruitori dell'arte. Chi viaggia può essere ospitato a casa di un'artista o visitare il suo studio, e comunque essere aggiornato su eventi e attività dello stesso in modo da potervi partecipare se passa dalle sue parti.
Mi pare un'ottima soluzione per una diffusione capillare dell'arte che vada oltre i soliti mezzi di comunicazione artistica e soprattutto che avvicina l'arte alle persone.

http://www.myhomegallery.org/MonicaSpiccianiArt

http://www.myhomegallery.org/MonicaSpiccianiArt

Vi ricordate la Geisha?


"Geisha apparente" è un gioco e nasce dalla mia voglia di travestimento. La modella dell'opera sono io stessa e per fare questo quadro c'è stata una preparazione di trucco e sessione fotografica ripresa in un Timelapse pubblicato sul mio canale youtube, video che già ho postato qui sul mio blog, ma per i disattenti lo inserisco di nuovo.
Ho realizzato l'acconciatura  con i pennelli che sono i miei strumenti di lavoro e soprattutto ho puntato sul fatto che l'apparenza è spesso ingannevole. Io, con il mio carattere tuttaltro che remissivo e docile, ho voluto mascherarmi da Geisha, la quintessenza della femminilità, della donna servizievole e sottomessa, ma soprattutto l'esatto contrario del mio modo di essere. 
In questo gioco mi ha aiutata Luigi Vescovini, il quale ha realizzato le foto da cui è tratto questo quadro e dalle quali trarrò altre opere in futuro.

"Geisha apparente" è candidata al Combat Prize 2015.






#FacceDaBlogger : io e le mie due gemelle

Ieri mio marito mi ha fatto una strana richiesta, voleva che rielaborassi al computer una sua foto, dividendo il viso esattamente a metà e riproducendo specularmente ognuna delle due metà per vedere cosa cambiava con un volto perfettamente simmetrico. L'esperienza è stata buffa, ed in questa giornata festiva all'insegna del cazzeggio e della smania dovuta all'inattività pittorica, ho giocato col mio viso creando le mie due gemelle.
In questi due esperimenti ho appurato ciò che già sapevo, ovvero che effettivamente la parte destra è più ampia della sinistra e che non siamo simmetrici. Se nell'esperimento sulla mia dolce metà l'esito migliore alla fine è stato quello naturale del viso imperfetto ma bello nell'insieme, nell'esperimento su di me devo ammettere che la mia parte destra raddoppiata è decisamente più carina dell'originale.
Tutto ciò perché direte voi... perchè no rispondo io.  Per passare il tempo fondamentalmente, perchè sono socialdipendente e condivido con voi anche le cavolate come questa. 
Magari qualcun'altro su questo esperimento avrebbe tratto spunto per una dissertazione filosofica, ma non io, non oggi.