Io e la politica

Il problema è che non mi sento rappresentata in toto da nessuno. Premetto che sono un ingenua, credulona e ignorante in materia, che tenta di accostarsi a ciò che accade nel mondo per poter avere un'opinione e di dare il proprio piccolo contributo… Ma non riesco.
Che sono orientata verso sinistra non è un mistero, ma non riesco a trovare nessuno che mi ispiri completa fiducia e a cui accordare il mio voto. Dovrò scegliere il meno peggio o rinunciare ad esprimermi? A volte mi sento una banderuola che si gira verso questo o verso quello a seconda Di ciò che affermano.


Sicuramente mi mancano gli strumenti necessari per avere un discernimento consapevole. Vorrei poter creare un super politico formato dalle parti migliori o che mi convincono di più tra tutti quelli che ascoltano parlare… Ma è impossibile e così continuo a concordare Ora con l'uno ora con l'altro senza riuscire a riporre la mia fiducia in nessuno di loro.

Questo mio tentennare.mi fa sentire stolta e membro onorario del classico popolino pecorone che non è capace di avere un'idea sua e di portarla avanti. Come stavo meglio quando viveva nel mio mondo ignara di tutto il resto… Ma non è giusto ritirarsi nelle proprie fantasie nemmeno per chi vive di arte come me.